Ho la forza di un pirata

di

Data

Scrivo, continuo a scrivere, anche se dovrei smettere. Non ho più stimoli, né fantasie o personaggi stravaganti da raccontare. Scrivo, ancora, con chirurgica distanza tra me e il mondo

Scrivo, continuo a scrivere, anche se dovrei smettere. Non ho più stimoli, né fantasie o personaggi stravaganti da raccontare. Scrivo, ancora, con chirurgica distanza tra me e il mondo irreale, tra me e la dimensione del paradosso. Scrivo quasi clandestinamente sporcando pagine virtuali con un inchiostro di metallo che innerva frenesie letterarie tra le più silenziose della rete. Scrivo, di fatto, seminando ‘parole d’ombra’ tra le righe che diventano poesia solo grazie a qualche chiasmo sofisticato. Scrivo e forse perseverò a farlo con la forza di un pirata che, senza virate d’alta quota, aspetta l’ennesimo assalto fortunato.

Altri racconti
in archivio

Sfoglia
MagO'