Condividi su facebook
Condividi su twitter

Perché la Hunziker ride così tanto

di

Data

Che cos’è la risata? Per Michelle Hunziker, la risata è anche un modo di comunicare.

Che cos’è la risata? Per Michelle Hunziker, la risata è anche un modo di comunicare. È una sua peculiarità che prorompe, nella vita reale come nel lavoro, non solo nei momenti lieti ma anche in quelli malinconici. Ma qual è il segreto che fa di Michelle una showgirl così scoppiettante? La formula magica è la risata, così limpida da scatenare un ciclone. La risata è il suo mantra. Da qui nasce Mi scappa da ridere (regia di Giampiero Solari) il primo spettacolo originale portato in scena da Michelle, in cui è lei stessa a raccontare la “sua favola”. Ne nasce un “One Woman Show” dal ritmo incalzante, dove la stessa Hunziker fonda il suo spettacolo proprio sulla sua vita, senza perdere di vista i suoi aspetti più imprevedibili. In primis il matrimonio con Eros Ramazzotti (“Il tempo passa ma i sentimenti restano”), il cantante italiano di periferia come lo denomina lei in tutto lo show che poi ha sposato e da cui è nata la sua Aurora. Al primo concerto di Eros, Michelle perse letteralmente i sensi come “quando l’Enel stacca all’improvviso la luce” ma, quando si rividero, fu subito amore a prima vista: “due fulminati” ribadisce lei, che però non vissero felici e contenti. Descrive il suo rapporto con la figlia Aurora, ormai adolescente, e di come sia difficile il dialogo tra genitori e figli, soprattutto oggi quando di mezzo ci si mette Facebook (“Culla di ipocrisie, dai bacini alle faccine ai cuoricini” ). Non mancano i riferimenti alla sua vita in Svizzera (“Sei sexy come una fetta di Emmental” ), dei suoi viaggi in Italia e del suo lato B: “la debora”, pubblicità che la rese famosa.

 

Lo spettacolo si conclude con un sonoro “Però hai sempre un gran culo”  pronunciato dal Mago Forest, il “Trupolo”, (il suo pupazzo di pezza), che accompagna la showgirl in questo percorso, in modo virtuale, attraverso delle videoproiezioni su maxischermo. Gli sketch a due con il pupazzo Trupolo, sono intervallati da canto e ballo in stile musical.

Altri racconti
in archivio

Sfoglia
MagO'