Condividi su facebook
Condividi su twitter

La fresca sur maraggio

di

Data

S’arriggerava ‘na fresca a ‘na ferraglia. Trizzicava i pedi ritti pe’ mira er maraggio. Pria della fresca un fresco la strizzava pe’ le cicce. Er mare scialacquava su la chiggia e il mamarcone ondeggiava sulla rotta.

S’arriggerava ‘na fresca a ‘na ferraglia. Trizzicava i pedi ritti pe’ mira er maraggio. Pria della fresca un fresco la strizzava pe’ le cicce. Er mare scialacquava su la chiggia e il mamarcone ondeggiava sulla rotta. A n’ tratto il fresco glie porpone:
– Arrappate alle mano, famo l’aereoplano!
Ma la fresca timidosa l’anfratto la paventa, dice:
– Io c’ho trimone, nun è che annaspo il baffo?
– Nun te pija parella! – glie fa tonnato a triglia, – Nun raggio er vivo ar vento, fidate der fresco!
Così che fresco e fresca palavano sul maraggio come che il mamarcone fosse n’aquilaccio.
L’anfratto finì in fratta, col fresco impitonato. Pria de trombolà addosso an sasso inghiacciolato.

Altri racconti
in archivio

Sfoglia
MagO'