Un abbraccio lungo 7 km per Rino Gaetano. I crotonesi lo salutano così

di

Data

A trent’anni dalla morte di Rino Gaetano, dopo le moltissime manifestazioni che hanno ricordato un po’ in tutta Italia l’ironico cantautore scomparso tragicamente...

A trent’anni dalla morte di Rino Gaetano, dopo le moltissime manifestazioni che hanno ricordato un po’ in tutta Italia l’ironico cantautore scomparso tragicamente in un incidente stradale a Roma, città in cui è cresciuto e ha vissuto dall’età di dieci anni, è arrivato anche l’originale saluto dei crotonesi.

L’evento è nato da un’idea del giornalista Luigi Saporito, concretizzata poi grazie all’aiuto del collega Bruno Palermo, di Francesco Latella, voce di Radio Studio 97, e di tanti volontari: una cordata umana lungo tutto il litorale crotonese. Un abbraccio per Rino.

L’idea è stata vincente e soprattutto l’iniziativa è stata a costo zero, perché messa in atto grazie alla diffusione del gruppo Rino Gaetano on the beach su Facebook e al passaparola.

Infatti, se gli iscritti al gruppo erano meno di tremila, nel pomeriggio del 12 agosto in spiaggia ci saranno state 25/30.000 persone. La catena umana partiva da Molo Sanità, sul lungomare cittadino, e arrivava al Lido Atlantis, sette chilometri più in là.

La data, ovviamente, è stata scelta perché a ridosso di ferragosto Crotone si riempie anche di chi studia o lavora fuori e torna a casa per qualche giorno di vacanza. E quindi gli organizzatori hanno dato la possibilità di esserci anche a molti fuori sede.

La partecipazione è stata alta, oltre le aspettative e con qualche contributo importante: erano presenti i ragazzi delle terre di Libera e Radio 105, sulla spiaggia con i suoi stand per due giorni di diretta da Crotone (13 e 14 agosto), che ha concesso di utilizzare i suoi impianti per diffondere la diretta radiofonica nel tratto in cui gli stand erano collocati.

Alle 17.30 è iniziata la diretta e gli impianti stereo dei lidi e della gente in spiaggia sono stati sintonizzati sulla locale Radio Studio 97, che ha trasmesso un’intervista ad Anna Gaetano, sorella di Rino e la famosissima Nuntereggae più.

Poco più tardi la gente si è riversata sulla riva, tutti lì, mano nella mano, per abbracciare virtualmente il cantautore che ha tanto amato questa terra in cui ha trascorso l’infanzia da dedicarle molte delle sue famosissime canzoni.

Alle 18 in punto l’aereo messo a disposizione dall’Aeroporto Sant’Anna e dall’Aereoclub Romeo Fauci ha sorvolato l’area coinvolta dall’iniziativa girando riprese aeree e contemporaneamente Radio Studio 97 ha trasmesso la versione integrale della celeberrima Ma il cielo è sempre più blu.

L’emozione era palpabile: tutti ballavano, cantavano a squarciagola, stringevano la mano dello sconosciuto vicino, improvvisavano un’ola o un’onda umana. Tutto nel nome di Rino Gaetano.

 

Dato il successo dell’evento, gli organizzatori hanno dichiarato che probabilmente il prossimo anno si replicherà. Sperando che la partecipazione cresca ancora…

 

Ciao, Rino.

Altri racconti
in archivio

Sfoglia
MagO'