Condividi su facebook
Condividi su twitter

La Fiction: Il family drama fuori dall’ordinario, No Ordinary Family

di

Data

L’abbiamo già raccontato più volte in questa rubrica. La fiction e, in particolare, la serialità americana sta affrontando sempre più spesso tematiche relative alla famiglia e alle nuove forme di convivenza. Incasinata, come quella già nota di "Brothers & Sisters".

L’abbiamo già raccontato più volte in questa rubrica. La fiction e, in particolare, la serialità americana sta affrontando sempre più spesso tematiche relative alla famiglia e alle nuove forme di convivenza. Incasinata, come quella già nota di “Brothers & Sisters”. Informale come quella di “Modern Family”. O ancora superdotata, proprio come quella di “No Ordinary family”, la nuova serie che ha debuttato mercoledì 6 ottobre su Fox. Un telefilm innovativo, prodotto da Greg Berlanti e Jon Harmon Feldman, che, provando a mettere insieme il family drama e il fantasy, si impone come uno straordinario ed affascinante concentrato di vita quotidiana e avventure fantastiche, in cui nulla è quasi mai quello che sembra.

Il plot inizia nel più classico dei modi: una famiglia normale dei nostri giorni, i Powell, che si trova a fare i conti con un evento che cambierà per sempre le loro esistenze. Padre, madre e due figli adolescenti che faticano a comunicare tra loro e che vivono (o meglio si lasciano vivere) con infelice ed insoddisfatto torpore tra lo stress e le difficoltà della società contemporanea: se Jim si sente un fallito, un uomo privato della sua forza, la moglie Stephanie è al contrario travolta dagli impegni lavorativi, riuscendo a dedicare solo ritagli di tempo a figli e marito, mentre i due ragazzi sono nell’età più complessa dello sviluppo umano, l’adolescenza, e solo questo, con tutto ciò che comporta, basta per renderli infelici.

Il capofamiglia Jim, però insoddisfatto dalla piega che sta prendendo la sua vita, dal rapporto con sua moglie a quello con i due figli adolescenti Daphne e JJ, propone ai suoi un viaggio in Brasile. Malauguratamente, però, l’aereo su cui viaggiano si schianta nelle acque del Rio delle Amazzoni. Usciti miracolosamente indenni dal pericoloso incidente, i Powell tornano a casa sani e salvi, ma scoprono ben presto che le loro esistenze non sono più le stesse.

Qualcosa è cambiato. Indistruttibilità, velocità, telepatia e super intelligenza sono i poteri straordinari che scoprono di possedere. E così la mamma Stephanie (Julie Benz), scienziata attenta e madre premurosa, scopre di avere la supervelocità, il papà Jim (Michael Chiklis), che è un disegnatore di identikit per la polizia, diventa invulnerabile ed è in grado di saltare qualsiasi altezza, il fratello JJ (Jimmy Bennet) sviluppa un’intelligenza fuori dal comune e Daphne (Kay Panabaker) il dono della telepatia. La serie, come affermato dal produttore Berlanti, «mette l’accento su diversi aspetti della vita e della televisione e racconta i personaggi, le storie, le emozioni e allo stesso tempo viene fatto un uso quasi smodato della tecnologia. Un mix che dovrebbe soddisfare diversi tipi di telespettatore». L’intento dichiarato è quello di rivolgersi con lo stesso prodotto a segmenti di pubblico differente: quello più ampio delle famiglie e la nicchia degli amanti della fantascienza.

Con l’aggiunta di un cast d’eccezione (Romany Malco, Weeds, nei panni di George, Autumn Reeser, Entourage in quelli di Katie, mentre Stephen Collins, Settimo cielo, è il dottor King) la ricetta di “No Ordinary Family” è completa: una serie divertente ma ben consapevole dell’opportunità di far riflettere il suo pubblico su questioni universali e sempre attuali.

Il telaio narrativo si muove tra fantasy e sci-fi alternando azione e humor con tanta ironia, cifra stilistica prevalente della narrazione e utile soprattutto per non cadere in un ridicolo inconsapevole. Nella serie si ritrovano numerosi riferimenti agli stilemi classici del pop, come i fumetti dei SuperEroi della Marvel, quelli definiti da Stan Lee “Super Eroi con Super Problemi”. I richiami espliciti, al limite della citazione, rimandano così ai “Fantastici Quattro”, primo leggendario supergruppo di eroi nelle cui storie i problemi personali e familiari hanno uno sviluppo di pari importanza rispetto alle scene di azione e di avventura. Ma soffermandoci sui dialoghi possiamo trovare rimandi anche a “Gli Incredibili”, rivisitazione ironica in computer animation del mito della famiglia di eroi in calzamaglia, stavolta costretti dallo Stato a vivere in incognito come dei pensionati per non turbare l’ordine pubblico.

Eppure No Ordinary Family azzecca il cocktail giusto per affascinare con una drammatizzazione del tutto basata sulla realtà e la quotidianità dei personaggi. Come ha detto Michael Chiklis in occasione dell’uscita americana: «Io amo il genere dei supereroi (ha interpretato anche la Cosa dei Fantastici quattro, ndr) ma penso che questa serie vada oltre, i super poteri rendono la storia divertente ma alla fine è un modo di parlare della famiglia e anche di quello che succede a chi ci guarda dal divano». Infatti super poteri o meno i Powell finiscono anche dal consulente matrimoniale!!

La critica americana si è spaccata sulla serie anche se le recensioni sono più che positive; non manca però chi si lamenta di uno scarso e limitato approfondimento dei personaggi, di una sceneggiatura ‘arruffata’ e di un mix di vari generi (azione, commedia, drama, sci fi) che rischiano di confondere ed allontanare i telespettatori.

L’aspetto senza dubbio interessante è che, dopo aver conosciuto la moderna famiglia americana, siamo pronti per addentrarci nelle narrazioni chiaroscure di una famiglia stra-ordinaria.

Altri racconti
in archivio

Sfoglia
MagO'