Condividi su facebook
Condividi su twitter

Sms per Il concerto di Radu Mihaileanu

di

Data

Sono stato diligente. Ho cercato il cinema fantareale nelle sale italiane. Ho visto Avatar e ho capito quanto è potente l’energia di Hollywood e come può raccontare molte cose attraverso gli effetti speciali e il 3D.

Sono stato diligente. Ho cercato il cinema fantareale nelle sale italiane. Ho visto Avatar e ho capito quanto è potente l’energia di Hollywood e come può raccontare molte cose attraverso gli effetti speciali e il 3D. Quando i terrestri cominciano a bombardare le ancestrali montagne dei Na’vi per sottrargli un prezioso minerale, mi sono venuti in mente i bombardamenti delle montagne dell’Afghanistan o dei deserti dell’Iraq pieni di petrolio. Allora ho pensato che il fantastico era il modo migliore per narrare questa cosa.

 

Ho visto Alice in wonderland frutto del connubio tra Tim Burton e Walt Disney. E ho capito quant’è difficile far passare la genialità di Lewis Carroll dalla letteratura al cinema. Anche se il nostro prediletto Tim ha cercato di raccontare una storia tutta diversa che sconfina nel Fantasy (e mi ha ricordato a momenti il brutto film tratto dalla fantastica Storia Infinita di Michael Ende). Anche in questo caso grande uso di occhiali 3D e la cosa più fantareale che succede è che ormai facciamo la collezione di occhiali 3D tutti uguali che i distributori cambiano a ogni proiezione per mantenere più alto il prezzo del biglietto.

 

Ho sorriso di tenerezza guardando il volto della protagonista di Amabili resti. Era più o meno così che l’avevo immaginata, Susie Salmon. E soprattutto non era come me l’immaginavo il suo assassino, il vicino di casa. Era molto meglio (cioè molto peggio), molto più reale e molto più impressionante sotto le fattezze di un comunemente mostruoso Stanley Tucci.

 

Ma il film che m’ha steso e mi ha fatto ridere e poi mi ha commosso e mi è sembrato il più fantareale di tutti è un altro: Il Concerto di Radu Mihaileanu. Perché in questo film non c’è bisogno degli effetti speciali per raccontare le cose paradossali e assurde che capitano nella nostra esistenza. Le cose terribili e la stupidità del potere. Le cose meravigliose e la grandezza dell’arte. Le cose che non possono accadere eppure qualche volta accadono. Non ve lo rovino. Non vi racconto né la trama né altro. Vi applico qui sotto solo il trailer e mi metto a mandare sms ai miei amici con il testo: ho visto il film “Il concerto” e mi è sembrato bellissimo 🙂

Altri racconti
in archivio

Sfoglia
MagO'