Condividi su facebook
Condividi su twitter

Le clematidi, o della meraviglia

di

Data

…la paglia volteggiava nell’aria gialla più su del regno delle aquile dove l’aereo scintilla… L’aereo scintillava come gli occhi dei ragazzi che, randagi, lo guardavano tra i rami...
…la paglia volteggiava nell’aria gialla 
più su del regno delle aquile
dove l’aereo scintilla…
L’aereo scintillava come gli occhi
dei ragazzi che, randagi,
lo guardavano tra i rami dei ciliegi… Eh …eh…

Eh… eh… eh..!

 [Da Paolo Conte: Novecento (1992)]

 

Le streghe esistono, eccome! – avrebbero giurato tutti i bambini della mia età e io avrei detto lo stesso a chiunque me lo avesse chiesto. Questo era chiaro ancor prima di leggere (da adulti) Roald Dahl, ed entrare nel mondo di un bambino norvegese, dominato dall’immaginario, e dalle streghe, appunto [Roald Dahl (1916-1990): ‘The witches’ (1983) – Le streghe; Salani Ed. 1987].

Una prova incontrovertibile della loro esistenza era, per noi bambini di campagna, la gran quantità di capelli che esse lasciavano in giro, impigliati nelle siepi… E se non son prove queste!

‘Capelli di strega’ o ‘barbe di vecchio’ (in inglese ‘grandfather’s beard’ o anche ‘hedge feathers’, piume delle siepi), sono molto comuni nelle nostre siepi in autunno. Questi gomitoli di filamenti argentati costituiscono i frutti (acheni) di Clematis vitalba (Fam. Ranuncolaceae)

Il fantastico era una componente essenziale della cultura contadina. Diremmo adesso – da grandi e smaliziati – che anche l’ignoranza vi aveva la sua parte, e non pochi svantaggi; ma guardate la cosa dal punto di vista di un bambino!

Le storie raccontate intorno al camino sono tra quelle che più si imprimono nella memoria; la fantasia galoppa. L’indistinto e l’incomprensibile si inseriscono naturalmente nella visione olistica del mondo, nell’infanzia. I bambini di campagna – di un’epoca pre-televisiva, stiamo parlando – avevano distinte caratteristiche e vari ‘tesori’ in più rispetto ai loro coetanei cittadini. Conoscevano le albe e i tramonti e le storie delle volpi che si sposano quando piove col sole. Sapevano cosa c’è alla base degli arcobaleni e come farli in proprio, con le bolle di sapone. Andavano nelle radure dei boschi a cercare i cerchi delle streghe; sapevano attaccare i bottoni per fare gli occhi agli spaventapasseri; inventavano storie sui ricami di ghiaccio disegnati sui vetri… E altre cose ancora…

Due immagini dei ‘cerchi delle streghe’ entro cui l’erba è di un diverso colore, come calpestata da sabba notturni. L’altra spiegazione è che il fenomeno sia dovuto al micelio dei funghi che tende a propagarsi attraverso terminazioni periferiche verso l’esterno, mentre al centro la terra rimane arida e impoverita di sostanze nutritive
Spaventapasseri delle nostre camagne (spaventacorvi in inglese: scarecrow); a fianco Turnip-head , ‘Testa di rapa’, uno dei personaggi inventati da Hayao Miyazaki, per il geniale lungometraggio d’animazione ‘Il castello errante di Howl’ (2004) […ne riparleremo!]
Un arcobaleno in campagna e l’opera di un artista che fotografa le bolle di sapone: Richard Heeks da http://www.flickr.com
Questi delicati merletti di ghiaccio si trovavano sui vetri la mattina al risveglio. Era un epoca in cui di struttura cristallina del ghiaccio non si parlava neanche: la magia è tutt’altra cosa!

Queste meraviglie saranno sconosciute – credo – ai bambini di oggi.

Mancheranno loro le fantasie sui capelli delle streghe e sui loro sabba…

Non avranno per compagni gli spaventapasseri. Forse giocheranno ancora a fare le bolle di sapone, o forse no. E chissà se inventeranno storie sulle pentole piene d’oro alla base dell’arcobaleno e sui ricami di ghiaccio che d’inverno si formano sui vetri delle finestre…

Ma forse tutte queste cose neanche mancheranno loro, se non le hanno mai conosciute; o saranno sostituite da altre…

Ogni infanzia ha le sue meraviglie!

Gomitoli di semi di Clematis vitalba – propriamente detti acheni – che utilizzano la coda piumosa come quella di un aquilone trasportato dal vento e permettono alla pianta di disseminarsi a distanza

Ma torniamo alle clematidi… Il mio interesse nei loro confronti, nato dal ricordo dei grovigli di semi argentati visti da piccolo, ha avuto modo di trasformarsi in stupita ammirazione alcuni anni più avanti, dopo aver conosciuto le varietà di forme e colori di cui sono capaci.

Caratteristiche generali delle clematidi: le capacità avvolgenti del picciolo delle foglie e la forma del fiore (qui una Clematis ‘The President’). I fiori della clematide sono costituiti non da petali, bensì da sepali, ovvero foglie trasformate; solo che i sepali delle clematidi, invece di essere le classiche foglie verdi modificate a formare il calice, assumono le colorazioni e le forme più svariate.

Il fatto è che le clematidi sono piante poco conosciute. Sebbene comunissime, sono circondate da un alone di mistero e guardate con una certa diffidenza da parte degli stessi appassionati di giardini, che pur ammirandone le rigogliose fioriture, sono restii a iniziare una relazione duratura con loro…

Un’avventura, allora, tanto per provare..?

Due cultivar di uno dei primi e più diffusi ‘ibridi a fiore grande’ di clematide, Clematis jackmanii, creato dal famoso ibridatore George Jackman che operava in Inghilterra circa a metà dell’800 (in alto la varietà C. jackmanii ‘superba’)

Le clematidi [Clematis spp. (species)] comprendono circa 250 specie di piante erbacee, semilegnose  o legnose, solitamente rampicanti, a foglie decidue o anche sempreverdi; le foglie sono, spesso, non singole ma composte, con picciolo lungo ed esile avente la caratteristica di avvolgersi in funzione di ancoraggio. Appartengono alla famiglia delle Ranuncolaceae; alla stessa famiglia appartengono i ranuncoli, gli anemoni e le aquilegie, tutte piante contenenti principi attivi potenzialmente tossici.

Praticamente ubiquitarie (Europa, Americhe, Asia) si sono ulteriormente diffuse ed ibridate grazie all’opera dell’uomo; le ultime arrivate hanno fioriture particolarmente vistose e sempre nuove varietà – sono svariate centinaia! – continuano ad essere proposte.

Tre aspetti della Clematis ‘Nelly Moser’, un ibrido a fiori grandi molto diffuso, adattabile anche alla coltivazione in vaso

Clematis è una delle denominazioni botaniche più antiche; deriva dal greco klema-atos, che significa viticcio, pianta volubile, simile alla vite; nel 1737 Linneo confermò il nome.

Le clematidi sono, tra le piante da giardino, le rampicanti per eccellenza, più famose nell’Europa continentale e in Inghilterra, in realtà; anche se non sono difficili da acclimatare alle nostre latitudini, con un minimo di attenzione.

Di clematidi hanno scritto diffusamente Vita Sackville West – che molto le amava – e il nostro Ippolito Pizzetti: entrambi ospiti abituali di questa rubrica [ V. su “O”: Libri di piante e fiori (prima parte) 
del 24.05.09].

Due cultivar di Clematis: ‘The President’ a dx e ‘Nelly Moser’ al centro della foto. In tutte le clematidi le corolle che attraggono la nostra attenzione non sono costituite di petali, bensì di sepali, cioè foglie trasformate, che assumono le forme e i colori più svariati
Con i loro colori squillanti le clematidi si prestano ad assocazioni ‘ad effetto’ con altri fiori. Qui Clematis ‘Mrs Cholmondeley’ è fotografata insieme a due Dahlia rosse, in una bella monografia di Elisa Severi dedicata alle clematidi

Notava Pizzetti [Ippolito Pizzetti in ‘Pollice verde’ – Manuali B.U.R.; Rizzoli, 1982] che le clematidi sono le grandi assenti dai giardini italiani, e titolava un suo capitolo: ‘Pregiudizi sulle clematidi’.

Non trovava una spiegazione per tale mancanza, anche se faceva delle ipotesi sulla credenza che le clematidi fossero piante ‘difficili’, non adatte ai climi mediterranei e soggette a malattie imprevedibili.

Da allora sono passati quasi trent’anni, e qualcosa è cambiata, ma non molto.

I fiori delicatamente rosati della Clematis montana, capaci di coprire ampie superfici con fioriture impressionanti

Si vedono più di frequente le clematidi nei giardini – questo vale per i ‘guardatori dei giardini degli altri’ [V. su “O”: Notizie dai giardini – Giardini veri e sognati
 del 2.04.07] – e lasciano a bocca aperta con le loro fioriture. Queste possono distribuirsi su un arco di tempo molto ampio – da inizio primavera a estate avanzata – dal momento che è possibile disporre di varietà a fioritura precoce, intermedia e tardiva.

Clematis ‘Ville de Lyon’ è un ibrido vigoroso di color carminio sfumato. Come le Jackmanii, le clematidi di questo gruppo devono essere potate a febbraio

Il pregiudizio sul carattere ‘non mediterraneo’ delle clematidi è anch’esso superato, a condizione di non considerarle al pari delle bouganvillee, ma con l’accortezza di disporle con le radici relativamente al riparo dal sole diretto e di assicurare regolari innaffiature senza ristagni d’acqua. L’aforisma che tutti ricordano: – “Vogliono le radici in ombra e la chioma al sole!” – ha una sua validità.

Clematis tangutica, di provenienza dalla Cina. I fiori, non molto grandi, sono a forma di lanterna, isolati e portati da lunghi peduncoli. Sono seguiti dai frutti: acheni rotondeggianti e piumosi.
Clematis armandii. Anch’essa di provenienza orientale, fioritura precoce e fiori piccoli. Ha la caratteristica di avere foglie persistenti, che non sfogliano d’inverno. Si distinguono una varietà ‘Snow Drift’, a fiori bianchi (a sin. nella foto) e la ‘Apple Blossom’ dai fiori rosa o bianchi, caratterizzati dal colore più vivace della parte inferiore del fiore

Infine le avversità, i parassiti e le malattie colpiscono le clematidi come tutte le altre piante, con la sola eccezione di una malattia specifica, il disseccamento o ‘mal clematideo’ (clematis wilt), di natura fungina –  da Ascochyta clematidina e Coniothyrium clematidis – che si diffuse nei vivai e nei giardini alla fine dell”800, all’apice del maggior successo (una moda tutta inglese) delle clematidi. Tale patologia vegetale, pur non avendo ancora un trattamento specifico, è molto meno diffusa di un tempo, grazie ai trattamenti preventivi con antifungini e alle migliorate condizioni di coltivazione. Comunque il male colpisce solo la parte vegetativa delle piante più giovani, che possono esserne colpite dalla sera alla mattina ed assumere all’improvviso un aspetto appassito e cadente, prima di seccare del tutto. Ma con una potatura drastica ed eliminando accuratamente le  parti infette, la pianta spesso riprende a vegetare dalla radice, anche a distanza di qualche anno.

Clematis ‘Niobe’, di taglia media, di color rosso scuro fino al viola, leggermente fragrante

La potatura. Il consiglio ultra-semplificato di Vita Sackville-West per i suoi lettori [In: ‘Garden Book’ (1968) – ‘Del giardino’; ed. L’Ornitorinco; Rizzoli, 1975] sulla potatura delle clematidi, è di potare immediatamente dopo la fioritura le piante che fioriscono precocemente in primavera e all’inizio dell’estate; le varietà che fioriscono più tardi, invece (cioè quelle che fanno i fiori sui getti della stagione in corso), vanno potate all’inizio della primavera.

La Clematis sieboldii, anch’essa di provenienza dalla Cina, è un ibrido del gruppo delle ‘Clematis florida’. Ha fiori doppi, con la corona più interna di colore dal porpora al blu viola

Dove far crescere una clematide. Le clematidi, si è detto, sono delle rampicanti, ovvero sono capaci di sostenersi alle strutture circostanti, grazie alla capacità avvolgente del picciolo delle loro foglie. Bisogna comunque fornir loro qualche tipo di appiglio, per evitare che i sottili tralci si avvolgano su se stessi, risultandone così una minima resistenza al vento; non hanno invece veri e propri organi di aderenza ai muri, come le radichette dell’edera o le ventose dei cissus.

La messa a dimora di una clematide richiede delle valutazioni preventive. Alcune di esse si adattano ai vasi, purché sufficientemente ampi e profondi; altre, come Clematis montana, hanno un notevole sviluppo radicale che le rende più adatte alla sistemazione in piena terra. Vengono generalmente consigliati un impianto profondo e una pacciamatura superficiale. L’associazione con altre piante è particolarmente apprezzata dal punto di vista estetico, sia che queste piante fungano da supporto che per ottenere degli effetti di colore con i loro fiori; in ogni caso va considerato che le clematidi non gradiscono le competizione con le radici di altre piante e  bisognerebbe assicurare uno spazio libero adeguato per lo sviluppo senza interferenze del loro apparato radicale.

Tra gli ibridi più ‘d’effetto’, recentemente immessi sul mercato ci sono queste due clematis: la ‘Dr. Ruppert’ (in alto) e la ‘Multiblue’

Un’ultima storia ci porta ancora nel mondo delle favole e delle leggende e riguarda l’usignolo, che da sempre è implicato in questioni con le piante [‘L’usignolo e la rosa’: V. su “O”: Le piante, i frattali e la ricerca della bellezza 
del 05.10.08 ].

Pare che all’inizio dei tempi anche l’usignolo fosse un uccello diurno.

Poi, una volta, gli accadde di addormentarsi tra i rami di una clematide, che con la sua crescita veloce durante la notte gli imprigionò le zampette con i viticci.

Alla fine – si racconta – l’usignolo riuscì a districarsi, ma si spaventò tanto da non fidarsi più. E da allora passò tutte le notti sveglio – per nostra fortuna e consolazione – a cantare…

Una ragnatela di mattina presto, sottolineata da microscopiche gocce di rugiada

Insieme all’ultima storia, un’ultima meraviglia capace, almeno da un punto di vista concettuale, di ricollegare tutti i fili sparsi di pensieri distanti tra loro: le ragnatele che si trovavano – nelle mattine della mia infanzia – tra i fili d’erba e nelle radure …Ma bisognava svegliarsi presto, prima che il sole le dissolvesse o che altri le trovassero.

Da bambini la manutenzione della meraviglia era una disciplina impegnativa…

Altri racconti
in archivio

Sfoglia
MagO'