La nostra vita disegnata male

di

Data

Vendendomi il nuovo libro di GiPi, LMVDM ovvero La mia vita disegnata male, il tizio dell’edicola, commentando l’insolito titolo, mi ha fatto la prima, più esauriente, anche se involontaria, recensione: “e mica solo la sua – alludendo alla vita – è disegnata male!”. Infatti il nuovo libro (o meglio graphic novel) del geniale fumettista pisano ci riguarda tutti, nonostante sia molto autobiografico e affronti senza paura temi molto personali. GiPi si è affermato in questi anni come il migliore disegnatore italiano tanto che partito dalla rivista erotica “Blu”, è diventato il disegnatore di la “Repubblica” e cura una striscia settimanale satirica su “Internazionale”. Apprezzato in Francia, Spagna e Stati Uniti, è arrivato al suo settimo libro dopo alcuni dei più bei albi che sono usciti nel nostro paese: Esterno Notte, Appunti Per una storia di Guerra, Gli Innocenti, Questa è la Stanza, Hanno Ritrovato La Macchina, S. Le storie che GiPi racconta, nelle quali unisce la cronaca all’avventura e questa alla sua storia personale, lo allontanano dai temi del tradizionale fumetto italiano sia popolare che più intellettuale, sintetizzandolo allo stesso tempo. Anche il suo stile è originalissimo: un disegno grezzo volutamente sporco, nervoso e ricco di scarabocchi coniugato a una ricerca quasi maniacale della pittura a pastello e tempera. Le sue tavole di paesaggi, dei tristi panorami urbani o della provincia, sono dei veri e propri quadri da esporre. La bravura di GiPi, che lo ha reso il nostro migliore graphic novelist, è quella di saper unire perfettamente testo e disegni, tanto che non si può parlare né di parole illustrate, né di immagini spiegate dal testo. Oltre a essere un romanziere, un disegnatore e un pittore a tutti gli effetti, GiPi è anche un creativo regista di corti (alcuni si possono vedere sul suo blog: http://giannigipi.blogspot.com/), nei quali racconta in modo ironico e amaro soprattutto la sua provincia, la nostra, l’Italia.

Quest’ultimo LMVDM esce non a caso in edicola con una tiratura alta e un sicuro successo. Va subito detto che La mia vita disegnata male è invece disegnata benissimo: in mezzo a una storia molto personale di una malattia fisica e esistenziale (tema ultra letterario), GiPi inserisce delle bellissime tavole di avventure di pirati da isola del tesoro, che sono non solo un richiamo all’infanzia e all’iniziazione col fumetto, ma anche un’integrazione alla storia e una metafora della condizione del protagonista. Impressiona, poi, il coraggio con cui racconta temi molto personali: la provincia toscana dove regna la noia e si vomita spesso, le prime traumatiche esperienze con la droga, la perdita degli amici del cuore, i primi amori, le difficoltà con i genitori, la ricerca di una strada e di una vocazione. Tutto sommato GiPi racconta una formazione, una crescita, una guarigione attraverso la forza dell’amore che non è mai trattato banalmente. Per conoscere bene se stessi, bisogna infatti conoscere bene l’altro, non si può essere individualisti, non si può imparare da soli a nuotare (ci sono 8 tavole stupende sul nuoto), a stare nel mondo e a viverci. Così se anche GiPi ammette di essere attratto solo dai personaggi cattivi e malvagi che ha incontrato nella vita, scopre che la soluzione è l’amore e che forse i buoni si meritano qualcosa, anche solo una vignetta del suo lavoro.

Altri racconti
in archivio

Sfoglia
MagO'