Alessandro Cattelan e Niccolò Agliardi: “È impossibile dire qualcosa d’intelligente sul senso della vita”

di

Data

Alla ricerca della Sally di Vaco Rossi, di Alice di De Gregori, di Chicco e Spillo di Samuele Bersani. Ma la vita è un’altra cosa, edito...

Alla ricerca della Sally di Vaco Rossi, di Alice di De Gregori, di Chicco e Spillo di Samuele Bersani. Ma la vita è un’altra cosa, edito da Mondadori, è il primo libro di Alessandro Cattelan e Niccolò Agliardi. Il vj di mtv e il cantautore milanese raccontano il viaggio che affrontano Matteo e Cristian per incontrare i protagonisti delle canzoni della musica italiana. La ricerca diventa subito il pretesto per raccontare di un’amicizia.

Com’è nata l’idea del libro?
Siamo partiti dalla voglia di scrivere un libro per raccontarci. Niccolò ha avuto l’idea che poteva essere il pretesto per il viaggio. Il racconto inizia come una ricerca, anche se poi prende le sfumature della storia d’amicizia. Quella notte io e Niccolò, che ci conosciamo da molto tempo, eravamo al pub. Di solito, lui mi fa delle proposte e io lo prendo in giro. Quella volta ho detto – proviamo a farlo insieme -.

È stato facile cimentarsi con la scrittura?
Quella sera abbiamo deciso che se avessimo cominciato a scrivere il libro, il giorno dopo avremmo dovuto portarlo a termine. L’idea di scrivere non è così scontata, un libro è un impegno, non è come scrivere una poesia o una canzone, e finirlo non è stato facile come iniziare a scriverlo.

C’è molto di voi nei protagonisti della storia?
Matteo assomiglia a Niccolò, Cristian assomiglia a me. Cristian, a modo suo, da risposta a molte delle domande di Matteo. La verità del racconto è nei due protagonisti che viaggiano e nel loro modo di stare insieme.

Come avete scelto i personaggi delle canzoni e quindi le canzoni stesse?

Abbiamo scelto canzoni con un solo personaggio e le abbiamo usate come scusa per mettere nel libro quello che volevamo. Linda, ad esempio, l’abbiamo scelta perché ci faceva ridere. Chicco e Spillo perché rappresentano la impossibilità, a volte, di ritornare indietro. Marco e Anna perché sono la possibilità di vivere insieme.

Quindi il libro non è solo una ricerca tra i personaggi delle canzoni?

Il libro era partito esattamente per darci delle risposte e poi quello che ha convinto la Mondadori è stata la storia delle canzoni, che è comunque una storia sincera e onesta di un ragazzo di 27 anni e di uno di 32 anni.

In alcune parti del libro si sentono i mondi dal quale venite, ad esempio ci sono spesso citazioni delle canzoni di Niccolò.
Quando scrivi un libro per la prima volta ti viene normale parlare di te. Ho anche messo molti pezzi che ho già usato in radio. Avendo già due modi di comunicare abbiamo provato a far confluire questi modi che sono diversi. Laddove io utilizzavo codici che erano troppo vicini alla radio Niccolò mi bloccava e viceversa.

Avendo entrambi una carriera ben definita, avete avuto problemi a confrontarvi con il mondo dell’editoria?
Non è stato difficile, non abbiamo fatto fatica a pubblicare il libro. Noi abbiamo scelto Mondadori. Una volta iniziato a scrivere, avevamo il terrore che avrebbero modificato troppe cose (il registro linguistico, ad esempio, per renderlo più vicino agli adolescenti), abbiamo dovuto un po’ litigare per difendere il finale perché volevano un finale con il sorriso sulle labbra. Nella prima cartella stampa c’era scritto che era arrivato il libro della MTV generation, la storia di un viaggio alla ricerca di Paola di Tiziano Ferro, la comunicazione era proprio partita male. Il rischio iniziale era che fosse un libro targato TRL. La nostra fortuna ha fatto si che noi riuscissimo a fare una cosa importante: un libro è come una lettera lunghissima che ci siamo spediti a vicenda e che poi abbiamo spedito a voi.

Ma la vita è un’altra cosa… cioé?
È impossibile anche volendo trovare cose intelligenti dirti qualcosa sul senso della vita. È un’altra cosa. Il bello è proprio ipotizzarla. Sarà un po’ il destino e un po’ il libero arbitrio: la somma di tutti i giorni e di tutto quello che accade.

Altri racconti
in archivio

Sfoglia
MagO'