Condividi su facebook
Condividi su twitter

La mia libreria

di

Data

Può capitare di entrare in una libreria e non sapere che titolo prendere. E se fosse il libro a scegliere voi? Vi è mai capitato di essere sedotti da un libro? Se avete le idee confuse è questa la libreria che fa per voi.

Entro nella nuova libreria voglioso di libri, di letture, desideroso di sapere, di scoprire, di sognare cose emozioni mondi.
Ma è un bazar. Sono assalito da libri urlanti che si rincorrono, sempre gli stessi, nei tanti, troppi scaffali.
CONFUSIONE CONFUSIONE CONFUSIONE.
Dove sono i libri discreti che ti sussurrano: “leggimi, leggimi, sono qui solo per te, finalmente mi hai trovato, da tanto ti aspettavo, prendimi e portami via”?
Fuggo via dall’incubo che mi confonde.
Allora vado nella mia libreria. Finalmente, libri pensieri parole, ritornano. Un uomo senza qualità chiuso in un castello gusta una madeleine e ripensa alla sua gente di Dublino, a quel vecchio pescatore di balene bianche, alla sua donna del mare: “Osvaldo, Osvaldo”, chiamava Medea dietro una siepe sulla collina; rispondevano voci dal sottosuolo: “essere o non essere”, e uomini di fumo sparivano nell’alba dalle rosee dita, quando dalla notte bianca un viaggiatore tornava ad Itaca.

Ultime
Pubblicazioni

Sfoglia
MagO'