Condividi su facebook
Condividi su twitter

Lo Scincolone

di

Data

Si dice che avere un gatto in casa fa bene al cuore e che l’ippoterapia fa bene al corpo e alla mente. Ma se siete depressi è lo Scincolone l’animale che fa per voi.

L’ho comprato l’altro ieri in uno di quei negozi specializzati di cui ormai fanno tanta pubblicità in tv. Devo dire che era molto tempo ormai che ci pensavo, ma solo ora mi sono deciso a farlo. Infatti mi inquietava un po’ trovarmelo per casa e inoltre diciamo pure che non te lo regalano di certo. E’ un esemplare di media evoluzione, mi ha detto il negoziante, di quelli che riescono a captare solo le emozioni intense, come la gioia, la tristezza, la rabbia, insomma cose così. Per quelli che percepiscono il senso di solitudine, la sfiducia in se stessi o sentimenti più profondi avrei dovuto spendere molto di più. Ho pensato che per ora poteva andare e che, casomai, se mi ci ritrovo, quando esaurirà le sue qualità, ne prenderò uno più sofisticato. Appena arrivato a casa l’ho messo nella sua cassettina con la sabbia e ha cominciato subito ad infilarsi sotto. Dopo aver un po’ scavato con le sue zampette a paletta è rimasto immobile per almeno tre ore. D’altra parte è un rettile, anche se, per le sue doti empatiche, in un certo senso si può dire che abbia quasi sentimenti umani. Alcuni dicono di lui che è un animale “simpatico”, nel senso che ha affinità sensoriali con l’essere umano, il padrone appunto. Per me più che di simpatia si deve parlare di empatia, per la sua tendenza ad identificarsi, a trovare una sorta di comunione affettiva con chi se ne prende cura. Ad ogni modo devo dire che sono soddisfatto, perché già oggi, dopo sole ventiquattro ore siamo entrati in sintonia. Infatti, dopo la telefonata con mia madre, che mi ha lasciato come sempre piuttosto depresso, il suo famoso e buffo ciuffetto sulla testa è diventato blu, segno che ha cominciato a percepire le mie senzazioni. Non è male come inizio. Certo ci vorrà almeno un mesetto per arrivare a fargli captare altre più intense emozioni, lo so, ma promette bene. Dicono che per questi esemplari di media evoluzione è abbastanza normale entrare in “simpatia” col padrone fin dall’inizio e che il fenomeno dura circa un anno, cioè fin tanto che non arrivano all’età della riproduzione. Una volta fatte le uova perdono la loro straordinaria capacità, il loro ciuffetto non cambia più colore e, di conseguenza, non riescono più a trasmettere telepaticamente niente e perdono definitivamente le loro proprietà terapeutiche. Il mio analista dice però che di solito è sufficiente, che dopo un anno il grosso della nostra negatività interiore è scomparso. Sarà, ma io sono un po’ scettico: non vorrei aver speso inutilmente quasi duemila euro e poi ritrovarmi più depresso di prima. Senza contare che per nutrirlo mi toccherà spendere almeno ottanta o novanta euro al mese, dal momento che il prezzo delle radici alla mescalina sono in continuo aumento, anche al mercato nero. Mi sono anche chiesto se ne vale la pena, se non sarebbe meglio che la prendessi io. No, no, scherzavo. E poi risparmierò sull’analista, dal momento che dovrò fare solo un counseling invece di una vera psicoterapia. Ma resto sempre scettico che questa mutazione di scincolone riesca finalmente a risolvere i miei problemi. Comunque ormai è fatta. Che vi devo dire? Speriamo bene!

Altri racconti
in archivio

Sfoglia
MagO'