Condividi su facebook
Condividi su twitter

Nanni Moretti e gli XXX-files

di

Data

Sentite qua. E’ partita la lavorazione del secondo film tratto dal telefilm X-files. E la Fox con un classico lancio all’americana di marketing aggressivo fa circolare già una voce...

Sentite qua. È partita la lavorazione del secondo film tratto dal telefilm X-files. E la Fox con un classico lancio all’americana di marketing aggressivo fa circolare già una voce: nel film ci sarà una scena di sesso tra i due agenti Scully e Mulder, famosi per essersi scambiati un solo misero bacio in 201 puntate. E già si parla di XXX-files.
Io so cosa pensate di una notizia del genere. Pensate che è il solito modo per attrarre i gonzi, a sei anni dalla fine della nona e ultima stagione del telefilm. Anni in cui il protagonista David Duchovny ha fatto pochi ruoli importanti e un film dal titolo Californication.

Andiamo avanti. Io so cosa pensereste di un film annunciato così: “Una scena di sesso anale di quattro minuti!” Con dichiarazioni dell’attrice protagonista (Isabella Ferrari, famosa per aver girato anche un film con i fratelli Vanzina, Sapore di mare) di questo tipo: “La scena più forte della mia carriera. Abbiamo girato, con assoluta verità e realismo: un unico piano sequenza, senza stop, e non nego che mi ha lasciato un segno”. Con un filmato fatto girare su You Tube poco prima dell’uscita del film. Con in più la notizia che il visto della censura tarda ad arrivare, neanche si trattasse di Emmanuelle l’antivergine.
Io so cosa pensereste. Pensereste che il film non sarà necessariamente male, ma di certo lo stanno lanciando come una qualsiasi pellicola di serie B o come un sequel di X-files troppi anni dopo. Mi ricordo le dichiarazioni di Monica Guerritore all’uscita di Scandalosa Gilda, diceva più o meno: Gabriele Lavia mi ha chiesto di fare cose che nessuno aveva mai osato chiedermi… Eh! Che sarà mai!
Io so cosa pensereste. Pensereste che è una cosa degna della crisi culturale che stiamo vivendo tra televisione spazzatura e spazzatura in Campania.

Bene. Continuate a pensarla così, anche se il film è Caos calmo di Antonello Grimaldi.
Continuate a pensarla così anche se è tratto da un romanzo di Sandro Veronesi.
Continuate a pensarla così, anche se l’attore principale è Nanni Moretti.
E anche tu Nanni, uno dei pochi che sembra rappresentarci perlomeno come stile, dì qualcosa di buon gusto!
Va bene che non c’entri niente col fatto che qualcuno, forse la produzione stessa, ha fatto girare il filmato dell’accoppiamento inequivocabilmente alla pecorina prima dell’uscita di Caos calmo per raccattare più spettatori possibili. Va bene che nel filmato non si vede praticamente niente. Va bene che alla fine il valore artistico del film forse salverà tutto. Ma mi sembra che, dopo tutto, continuiamo così, facciamoci del male…

Eppure, alla fin fine, in tutto questo c’è anche qualcosa di buono, non tanto nel lancio pubblicitario – che è quello che è – ma nel fatto di vedere Nanni Moretti in una scena di sodomia. Fa pensare a L.A. Confidential, il romanzo di Ellroy in cui c’era un giro di squillo sosia delle grandi attrici del cinema hollywoodiano, e fa pensare anche a quei tanti siti internet specializzati in repliche hard dei famous, cioè anche qui sosia dei personaggi famosi che fanno scene hard, insomma, sembra quasi un giochino per adulti, in questo caso adulti intellettuali e di sinistra. Ecco, appunto, adesso che Nanni Moretti ha varcato il muro della trasgressione erotica, nessuno potrà più parlare della differenza antropologica della sinistra italiana.

E adesso, miei simpatici amici voyeur, preparatevi ad essere delusi cliccando qui sotto (si vede pochissimo, appunto!)

Altri racconti
in archivio

Sfoglia
MagO'