Condividi su facebook
Condividi su twitter

Paesi Baltici: Lettonia e Riga

di

Data

Sicuramente, tra le città dell’est recentemente entrate nell’Unione Europea, Riga è una di quelle più care: la moneta lettone, il lat, vale più dell’euro.
Riga vista dal Daugava

Secondo una leggenda, non appena Riga finirà di essere costruita sprofonderà nel fiume Daugava. Forse per questo la città è in continuo fermento e non cessa di rinnovarsi.

Edifici in centro
Il duomo di San Pietro e l’alto campanile (andato a fuoco più volte) da dove si può ammirare il panorama della città

Riga è considerata la capitale più occidentale dei Paesi Baltici, un centro multiculturale in continuo sviluppo artistico e commerciale.

Portale del duomo di San Pietro
Panorama della città
Tetti di Riga

Sicuramente, tra le città dell’est recentemente entrate nell’Unione Europea, Riga è una di quelle più care: la moneta lettone, il lat, vale più dell’euro.

Piazza del Municipio con gli edifici della confraternita delle teste nere
Piazza del municipio
Turisti in azione

L’indipendenza, la fine del comunismo e lo sviluppo economico hanno però avuto un impatto pesante sul reddito delle famiglie, molte delle quali faticano ancora, più che negli altri Paesi Baltici, a vivere decentemente.

Statue del periodo sovietico
I tre edifici denominati i tre fratelli del XV secolo sono i più antichi di Riga.
Nel cuore della città

La Lettonia ha preso nettamente le distanze dal suo passato sovietico, paragonando tale periodo all’occupazione nazista.

Il Duomo
Riga turistica
Suonatore in piazza

Consumismo e capitalismo hanno ormai preso il sopravvento, grandi centri commerciali propongono i loro prodotti a prezzi da capogiro, ma nelle piazze non è raro imbattersi in persone che chiedono l’elemosina.

Turisti intorno alle bancarelle
La Piazza del Duomo

Città dai mille colori e dal fascino avvolgente, Riga non sempre è immune da snobismo e aspetti a volte un po’ kitsch.

 

PORTFOLIO

Mendicanti davanti ad una chiesa
Colori
Motoraduno 1
Motoraduno 2
Il Gotico
Colpo d’occhio
Il passato
Al museo dell’occupazione

Altri racconti
in archivio

Sfoglia
MagO'