Condividi su facebook
Condividi su twitter

I bicipiti di Greg Valentino

di

Data

Greg Valentino è nato a New York negli anni sessanta. Verso i quattordici anni ha iniziato a fare il culturista, con grande interesse soprattutto per una parte del suo corpo…

Greg Valentino è nato a New York negli anni sessanta. Verso i quattordici anni ha iniziato a fare il culturista, con grande interesse soprattutto per una parte del suo corpo… i bicipiti.
– Siete mai stati vicino a un culturista? Rutta tutto il santo giorno e scureggia come un povero Dio. Questo perché ingoia tanta di quella proteine in polvere che gli si gonfiano gli organi. Le bistecche anche si mangiano crude e cosparse di integratori alimentari.
È riuscito per un periodo molto lungo a rimanere “l’uomo dai bicipiti più grandi del mondo”. In giro su internet si vedono alcuni filmati degli allenamenti, in uno di questi urla facendo delle ripetute:
– Ne devo fare ancora tre, ancora tre per dio e tutto si risolverà!
A metà degli anni novanta si è beccato una grave infezione al bicipite sinistro. C’è un filmato che ha girato in cui toglie il sangue misto al pus con una siringa dal braccio.
– Sono stato proprio un coglione quel giorno… ho rischiato di morire, capisci. Dopo due bicchieri di sangue e pus che mi tiravo fuori dal braccio mi hanno ricoverato. Ero pieno di siringhe in casa… le avevo di tutte le taglie, per ogni tipo di dosaggio. Quando mi facevo un’iniezione se la siringa cadeva non c’era problema… ci soffiavo sopra e me la infilavo nel muscolo. Così mi è venuto questo bubbone… mi hanno asportato una grossa fetta del bicipite.
Greg aveva una moglie e due figli, poi ha mollato tutto per una spogliarellista eroinomane di Las Vegas. Dopo anni di relazione lei se n’è andata per overdose.
– Avevo perso la testa che devo fare… lei per me era tutto e lo è ancora. Una volta… cazzo ero pieno di soldi in casa a forza di spacciare steroidi. Allora mi sorprende un tizio mentre stavo rincasando e mi punta un fucile a pompa alla schiena: ”dammi tutti i soldi”, mi fa. Cazzo in casa avrò avuto ventimila dollari; così entriamo e io vado verso la cassaforte. A un tratto sento un colpo di fucile e vedo questo tizio a terra che si teneva le chiappe… il mio amore gli aveva sparato dritto su per il culo.
Il giro in cui si è cacciato lo ha portato in una cella e alla bancarotta.
– Ti ritrovi in una cazzo di camera in cui ti manca l’aria e ti chiedi… proprio appena chiudono la cella… ma come ho fatto? come cazzo ho fatto? avevo tutto e ora… Prima che mi prendessero per lo spaccio di anabolizzanti avevo un tenore di vita da sheikko del cazzo. Poi ti trovi con gente che ti fa ”ehi te lo finisci il mais?”… No che non me lo finisco il mais, sto pensando alla mia vita che va a rotoli che cazzo mi frega del mais!
Dall’età di vent’anni Grag ha iniziato un uso massiccio e regolare di steroidi. Ha anche sempre ammesso che qualunque persona pratichi il body building a un livello professionale non solo ne prende, ma li commercia anche.
– Prendevo di tutto… porca vacca… Con varie teorie che ho messo a punto negli anni. Ma prendevo di tutto… Cazzo il Winstrol … lo sperimentavano sui cavalli da corsa. Vedi io sono fermamente convinto che gli steroidi non causino nessun effetto se presi con le dovuto precauzioni e metodi. Guarda me… nemmeno un cancro o un infarto… sono stronzate dei medici. È ovvio che come ogni cosa se ne abusi ti può succedere di tutto, ma se non lo fai e segui delle regole categoriche sei a posto. Io facevo cicli di iniezioni di tre mesi, anche con dosaggi elevati… eppure… Il mio vicino di casa invece gli hanno messo il terzo bypass coronarico perché si sfonda di roba grassa… Così un giorno gliel’ho chiesto “chi cazzo te lo fa fare?”. E lui sai che mi ha risposto… ”la vita di merda che faccio me lo fa fare… la vita di merda che faccio!” capito… altro che steroidi. Ma io per una parte della mia vita sono stato un uomo molto felice, e allora più di tanto non mi lamento.
Oggi Greg Valentino vive a New York e continua ad allenarsi in uno scantinato sotto il suo appartamento.

Altri racconti
in archivio

Sfoglia
MagO'