Condividi su facebook
Condividi su twitter

Recensione delle recensioni: Romance & cigarettes

di

Data

In poche parole la storia: Nick Murder, sposato con tre figlie, è un operaio della periferia di New York, che forse in preda ad una crisi di mezza età, ammaliato...

In poche parole la storia: Nick Murder, sposato con tre figlie, è un operaio della periferia di New York, che forse in preda ad una crisi di mezza età, ammaliato dalla “rossa” Tula, intraprende con lei una travolgente storia di sesso. La storia si complica quando la moglie scopre la traballante poesia che lui ha scritto per l’amante.
Del film ho sentito dire:
Il film è divertente ma allo stesso tempo geniale, oltre i limiti dell’irriverenza, per sfociare nel turpiloquio, senza mai però scadere nel volgare. (VERO)
Una storia romantica raccontata con la musica. Detto così sembrerebbe tanto banale, ma se il regista è John Turturro e produttori sono i fratelli Coen, la pellicola acquisisce quell’irriverenza e quella ironia giuste per rendere il film un capolavoro. (VERO)
Bravi James Gandolfini, Susan Sarandon e Kate Winslet (VERO)
Indimenticabile Christopher Walken, forse ultimo (e gotico portavoce) dei rockabilly rubacuori. (VERO)
Un cast eccezionale per un film che è più di un musical, geniale nelle citazioni e nei collegamenti. Le musiche, tutti pezzi indimenticabili, scandiscono i punti salienti della storia, ma soprattutto le emozioni dei personaggi. (VERO)
È stato detto tutto, quindi. Ma sarà vero?
È stato detto che questo film ti dice che la morte è poca cosa vicino alla morte di un amore?
È stato detto che amare vuol dire “spaventami, ogni tanto! Così, solo per farmi sentire vivo”
È stato detto che amarsi non vuol dire essere felici?
È stato detto che se qualcuno canta qualcosa per te, il ricordo di quella voce stonata ti darà la forza quando tutto sarà perduto?
È stato detto che dire “non ti amo più” a chi hai amato è un grande atto d’amore?
. . . se tutto questo non è ancora stato detto e io l’ho sentito sulla pelle dopo 24 ore . . .
allora andate a vederlo questo film. Forse riderete e soffrirete più di me. E chissà quante altre cose troverete che io non ho visto. Qualsiasi cosa ci vedrete, mi raccomando, raccontatevela, perché ne vale la pena.
È stato detto, infine, che Susan Sarandon è forse l’unica donna che sa come si invecchia?

Altri racconti
in archivio

Sfoglia
MagO'