Condividi su facebook
Condividi su twitter

Jacovitti docet

di

Data

Una persona che conosco lavora nel mondo della moda come giornalista. Ogni mattina lascia una casetta poco arredata e saluta la moglie.

Una persona che conosco lavora nel mondo della moda come giornalista. Ogni mattina lascia una casetta poco arredata e saluta la moglie. Porta la figlia a scuola e le dice di comportarsi bene. Poi si reca in ufficio dove lo aspettano una valanga di foto scabrose e stronzate dal mondo dei vip.
Una volta gli ho chiesto come facesse a reggere tutte quelle cavolate. Lui aveva in mano un articolo con le fotografie dell’ultimo scoop su una velina e un calciatore di serie A. Prima di rispondermi mi ha fatto vedere le foto e si è messo a ridere come un deficiente. Mi ha descritto nei minimi particolari come si era dovuto appostare il paparazzo per fare quelle fotografie.
Pare che fosse dovuto salire su un muretto di cinta alto tre metri. La coppia si è presentata a tarda notte così l’uomo, che era convinto di trovarli in casa, ha passato tutto il giorno appollaiato per aspettare che uscissero. Si è ustionato la testa. La villa era in Sardegna nel mese di Agosto.
Il mio amico rideva da matti. Il fotografo è rimasto sul tetto fino alle undici di sera. Ormai stanco aveva deciso di andare a cena. Ma dalla villa escono due figure nude che si gettano in piscina. Dopo qualche bacio iniziano a fare l’amore. Le foto sono venute benissimo e il mio amico guardandole fa: ” Che mestiere avventuroso che deve essere”.
Però la mia domanda rimane. Come fa a sopportare di parlare tutto il santo giorno di cose frivole? Come fa a trovare la serietà nel suo mestiere?
Il mio amico mi porta in bagno e tira fuori dal taschino una busta bianca. Sopra c’è scritto: Jacovitti. Il celebre fumettista.
“Quando mi deprimo troppo guardo queste cartoline!”.
Nella busta ce ne sono una ventina, sono tutte a sfondo pornografico. Sono bellissime. Donne contorte su piselli gonfi. Maschi con la lingua srotolata davanti signorine a gambe aperte. Eiaculazioni da annegamento nella bocca di qualche buffa ragazza e così via. Guardandole si ha la sensazione che l’amore sia un gioco. Anzi una cosa confusa e buffa.
“Vedi quando fai tutto il giorno questo lavoro, alla fine, le vedi così le notizie.”
Non credo di aver capito quello che dice. Però se le cose stanno così, deve essere divertente fare quel mestiere. Il giornalista di gossip. Fotografare una modella con un attore o una velina con un tennista, ha tutto un altro sapore se lo si vede come una gran confusione senza senso.
Il mio amico ripone le cartoline nella busta e ci dà un bacio sopra. Sembrano per lui un santino.

Altri racconti
in archivio

Sfoglia
MagO'