Condividi su facebook
Condividi su twitter

Data

Cazzo vaffanculo pezzo di merda e via di seguito. Il tizio nemmeno si rende conto di dire tutte queste parolacce e ha torto marcio.

Cazzo vaffanculo pezzo di merda e via di seguito. Il tizio nemmeno si rende conto di dire tutte queste parolacce e ha torto marcio. Ha lasciato la macchina in terza fila e vuole avere ragione. Chi gli sta davanti gli dà contro, perfino una bambina. Anche lei non ne può più e gli urla contro le peggio cose. Il tizio allora sale in macchina e se ne va con la coda tra le gambe. Appena ha provato a dire qualcosa ha incontrato una ventina di persone più arrabbiate di lui che l’hanno fatto nero.
Roma ormai è così. Il problema è che al posto di sbrigarsi a fare almeno altre due linee spendono soldi per mettere dei televisori in quelle vecchie. Giuro che è così. Hanno comprato nuovi vagoni e ristrutturato qualche stazione. Hanno messo i televisori che mandano pubblicità 24 ore su 24. Però il casino è sempre lo stesso, la puzza anche e le bestemmie pure.
Allora visto che nell’ora in cui si va a lavorare i mezzi pubblici sono un delirio, tanto vale prendere la macchina. Traffico. Una muraglia di macchine, tanto che se accendi la radio senti la stazione del tuo vicino. Vi giuro che non scherzo, mi è successo la scorsa settimana.
Allora la statale è intasata. Forse un incidente? Macché. Gli studi sul traffico sono la cosa più interessante che esista. Lo sapete che se aprite uno sportello in autostrada, in area di sosta, potrà avere effetti fino a duecento km da dove voi avete aperto il vostro bravo sportello per far scendere la bambina a fare pipì. Figuriamoci in città. Basta che una persona rallenti di cinque km orari, nell’ora di punta, per generare il caos. Parlo di vero caos. Per non parlare della volante della polizia che ferma al lato della strada. La velocità può anche ridursi di novanta km orari in pochi secondi.
Da queste situazioni statistiche poi nascono situazioni di vita molto più saporite. A Napoli un tizio ha tagliato la strada a un altro. Ne è nato un inseguimento lungo la statale. Dopo dieci minuti si sono fermati lungo la corsia di emergenza e hanno fatto a botte finendo per rotolarsi in mezzo alla strada. Hanno scatenato una coda di sei km.
Un camionista ubriaco vede una bella signora in una macchina. Inizia a farle delle fotografie con una macchinetta digitale. Il marito se ne accorge e accelera. L’autista accetta la sfida e accelera anche lui. Risultato: Inseguimento sulla Roma-Firenze durato circa mezz’ora. La stradale poi ha arrestato l’autista e per guida in stato di ubriachezza. Quel pomeriggio la coda per entrare nel Grande Raccordo Anulare è stata di tre km.
Una signora porta a passeggio il cane in una via di Milano. Arrivata al parco slaccia il collare. La bestia inizia a pisciare su ogni albero, poi schizza in mezzo alla strada. La signora urla. Il cane non si fa niente e riuscito a rifugiarsi sul marciapiede opposto. Ma Sapete quanta fila ha creato l’urlo della signora? Centoventi metri.

Altri racconti
in archivio

Sfoglia
MagO'