Batman VS Spiderman

di

Data

Sono settimane e settimane che vostro figlio o vostro nipote vi chiede di andare a vedere Batman? Vi tormenta al punto che sognate pipistrelli volanti anche la notte? Non vi preoccupate.

Sono settimane e settimane che vostro figlio o vostro nipote vi chiede di andare a vedere Batman? Vi tormenta al punto che sognate pipistrelli volanti anche la notte? Non vi preoccupate. No, non ho detto che c’è un modo per evitare la furia distruttrice di un bambino arrabbiato, volevo dirvi che a questo punto non vi resta altro che uscire fuori dal piccolo schermo di casa vostra, staccare la schiena dal divano di pelle per mettervi davanti al grande schermo del cinema e fare contenta la bestiolina, chissà che non usciate contenti dal cinema anche voi.

Batman Begins, quinto film della serie Batmaniana, non è come i precedenti. Mentre percorrevo il tragitto da casa al cinema, pochi giorni fa, facevo un sunto di quello che erano stati gli altri quattro film. Conclusione: i film di Batman che avevo visto fino a quel momento mi avevano fatto schifo. Dialoghi banali, i personaggi venivano trattati superficialmente, i cattivi erano cattivi ei buoni erano i buoni, senza nessun background che spiegasse l’evoluzione che aveva portato i personaggi fino a quel punto. In sostanza i personaggi rimanevano tali, fantocci, pupazzi. I film si riducevano a battaglie con costumi sgargianti dove i cattivi mettevano in mostra la loro perfidia e il Batman di turno (gli attori dopo il secondo batman sono cambiati film dopo film) sfoggiava i suoi bat-giocattoli ultra fichi: la bat-mobile, il bat-costume, la bat-pistola, la bat-caverna, i bat-nemici, il bat-mantello.

Batman Begins abbandona una volta per tutte quell’alone giocattoliano che aveva velato gli altri film e si distacca completamente dagli altri. Infatti si ricomincia da capo. Il film spiega come Bruce Wayne sia diventato quell’oscuro cavaliere mascherato a cavallo tra la legalità e l’illegalità. In fondo Batman non ha super poteri, le origini del cavaliere mascherato vanno ricercate nella mente di Bruce Wayne, che in fondo, diciamocela tutta, un po’ squilibrato doveva essere. Più volte Batman confonde la giustizia con la vendetta. L’umanità e la fragilità del personaggio in questo film sono evidenti e comunque, non vi preoccupate, come in ogni film supereroistico che si rispetti non mancano le botte da orbi, una bella damigella da far innamorare e un cattivone da acchiappare. Ma tutti gli elementi sono omogenei e ben dosati.

 

D’altra parte la DC, la casa editrice di Batman e Superman, dopo il fiasco di Catwoman (personaggio DC) e l’incredibile successo che hanno avuto i film Marvel(casa editrice di Spiderman, X-man, Devil, Hulk e compagnia bella) non poteva che rimboccarsi le maniche è sfornare un film di qualità che, parola di fumettofilo, è a livello del primo film di Spiderman(e con questo, ho detto tutto… ).

Chi vincerà?

 

Altri racconti
in archivio

Sfoglia
MagO'