Condividi su facebook
Condividi su twitter

Non è tutto Argento quel che luccica

di

Data

Nell’intervista di Barbara Palombelli pubblicata sul “Corriere della Sera” di sabato 25 giugno, Dario Argento afferma: “scrissi con Bernardo Bertolucci la sceneggiatura di C’era una volta il West di Sergio Leone”.

Nell’intervista di Barbara Palombelli pubblicata sul “Corriere della Sera” di sabato 25 giugno, Dario Argento afferma: “scrissi con Bernardo Bertolucci la sceneggiatura di C’era una volta il West di Sergio Leone”.

Questo è assolutamente falso: Argento ha collaborato al soggetto, ma
non ha lavorato neanche un giorno ad una sceneggiatura della quale non saprebbe dire neanche il colore della copertina. Unico autore della
sceneggiatura assieme a Leone, come risulta dai titoli di testa e da
tutti i dati ufficiali del film, sono io: Sergio Donati.

Sono ormai quindici anni (cioè dopo la morte di Leone, che lo avrebbe
sbugiardato) che Argento continua ad attribuirsi questo credito in
dichiarazioni e interviste. Se questa gravissima scorrettezza mi venisse da uno sceneggiatore fallito, ancora capirei. Ma se me la fa un autore famoso in tutto il mondo io non so se trovare la cosa più patetica o più penosa. Rubare a qualcuno un pezzo del suo lavoro, delle sue idee, della sua storia, non è solo un danno professionale per chi subisce il furto: è degradante per chi lo compie.

Recentemente anche su “Time magazine”, che ha inserito il film tra i
migliori 100 di tutti i tempi, è stata pubblicata la falsa informazione. L’ho prontamente segnalato alla redazione, e l’errore è stato subito corretto con tante scuse.

Altri racconti
in archivio

Sfoglia
MagO'