Condividi su facebook
Condividi su twitter

San frankenstein Remo

di

Data

Di questi tempi, da cinquantacinque anni, sulle terrazze di saxa rubra, uno scienziato pazzo dai capelli bianchi e gli occhi spiritati è intento a spolverare vecchi arnesi e a lucidare pomi di antiche leve.

Di questi tempi, da cinquantacinque anni, sulle terrazze di saxa rubra, uno scienziato pazzo dai capelli bianchi e gli occhi spiritati è intento a spolverare vecchi arnesi e a lucidare pomi di antiche leve. Dentro una stanza all’ultimo piano, tra macchinari e ragnatele, sopra un lettino di ferro, giace sotto un lenzuolo sporco un essere mostruoso.

Ogni anno quello scienziato pazzo aspetta il momento propizio per sollevare il lettino, grazie ad ingegnose apparecchiature, verso il cielo invernale plumbeo e minaccioso, e chissà per quali interventi demoniaci un fulmine colpisce il corpo inerte della creatura, per risvegliarla ancora una volta.

Per farla vivere,solo per cinque giorni: San Remo, è tornato.
E già che siamo in vena di riesumazioni – l’anno scorso è stato riesumato Masini – vorrei riesumare una cantante niente male. L’ho riscoperta da poco e forse riesumare è un termine inappropriato. Joni Mitchell è ancora viva e vegeta, si è solo ritirata dalle scene. Non so se la conoscete. Questa cantante con la sua voce ariosa ei suoi testi romantici ma non smielati, ha saputo rappresentare il lato meno trasgressivo dei figli dei fiori. Le sue canzoni forse hanno accompagnato le storie d’amore degli hippie anni 70.
Prendete “Blue” per esempio, l’album che l‘ha portata al successo, ascoltandolo si ha veramente la sensazione di essere presi e portati per mano in un luogo di pace e di tranquillità. La voce di Joni Mitchell indubbiamente ha il potere di stregarti.
Questa cantautrice dalle mille sfaccettature ha abbracciato tanto il country quanto il jazz. In un altro album, “Mingus”, la sua voce balla tra strilli di clarinetto, pizzichi di chitarra e scoppiettanti gridi di tromba. Sentendo questo CD dopo “Blue”, ci si meraviglia dell’incredibile diversità di suoni, addirittura un altro genere, e di come Joni ci si trovi perfettamente a suo agio.

Joni Mitchell è una ventata di aria fresca. Buon San Remo a tutti Whua ha ha ha ha ha…

No, non mi dite che avete riacceso la televisione?

Altri racconti
in archivio

Sfoglia
MagO'