Condividi su facebook
Condividi su twitter

Kurt, colla super e dandine…

di

Data

Shhhh non lo dite a nessuno. Ho scoperto che fine ha fatto. Kurt Cobain. Shhhh parlate piano. Si, no, cioè non è vivo. Si trova nel paradiso dei morti suicidi.

Shhhh non lo dite a nessuno. Ho scoperto che fine ha fatto. Kurt Cobain. Shhhh parlate piano. Si, no, cioè non è vivo. Si trova nel paradiso dei morti suicidi. Solo che qui è un gran rompicoglioni. Non fa altro che lamentarsi, e poi è un logorroico che non vi dico. Sempre con le sue canzoni. Sempre lui. Se mai lo dovesse incontrare, un giorno, scappate. Appioppategli una scusa, una qualunque e scappate.
Di solito bazzica il bar A. E’ amico di un certo Ari, che è amico di un certo Haim. Questi due stanno sempre insieme. Ari cerca di rimorchiare le “dandine”, quelle che si sono fatte fuori con veleni o roba del genere, e quindi non hanno ne’ cicatrici, ne’ fori di entrata ne’ tanto meno quelli di uscita. Haim, invece, cerca di ritrovare Desideria, la sua ragazza, che ha scoperto essersi suicidata da poco.

Ecco, se magari la sera vi siete rotti le scatole delle scatole di Bonolis, non ne potete più di riguardarvi per l’ottava volta le repliche di un Medico In Famiglia, e avete le palle piene di sentire Orietta Berti che canta da Costanzo, non state lì come larve. Da bravi prendete il telecomando, lo vedete quel tasto rosso? Premetelo. Avete appena fatto il primo passo verso la disintossicazione. Adesso vi starete chiedendo cosa centra questo con la storia di Kurt e le dandine.


C’entra c’entra, perché se non guardate la televisione e vostra moglie non si stacca dal telefono, non potete fare altro che leggere un libro.

C’è questo Etgar Keret che in Pizzeria Kamikaze (ve lo siete
appuntato da qualche parte?) racconta di questo paradiso post suicidio e di una colla super forte, ma così super forte che sulla confezione c’è un uomo attaccato a testa in giù sul soffitto… Un tubo gigante che è la porta verso un’altra dimensione. Una specie di cratere, che poi sarebbe l’uscita dell’inferno, da cui i condannati escono una volta ogni cento anni in libera uscita, vanno a fare spesa nei super mercati e vivono amori impossibili. Autisti convinti di essere Dio. Angeli sbadati e spiriti fattoni che si impossessano degli amici.

No, non mi dite che avete riacceso la televisione?

Leggete due racconti di Keret nelle nostre Omeriche Visioni

 

Altri racconti
in archivio

Sfoglia
MagO'