Allievi di successo

lavagna autori omero

Dal 1988 a oggi non sono pochi gli scrittori che hanno percorso i corridoi della nostra scuola. In questo ultimo periodo, per esempio, Massimiliano Ciarrocca (Pronto France’, Fazi) Lulù Librandi (C’ero una volta, Fazi), Enrica Belli (La giovane morte di Mario Petrantoni, Frassinelli), Elisabetta Pastore (Non respirare, Frassinelli), Alessandra Dragone (due volte finalista al premio Solinas, ha pubblicato Odore di ferro e di cacao, Baldini Castoldi e Dalai), Ilaria Palomba (Fatti male, Gaffi; tradotto in Germania con il titolo Tu dir Weh, Aufbau Verlag, Homo Homini Virus, Meridiano Zero), Fabio Napoli (Dimmi che c’entra l’uovo, Del Vecchio), Simona Baldelli (Evelina e le fate, Giunti, premio Calvino e premio John Fante 2013 e recentemente tradotto in Spagna, Il tempo bambino, Giunti, La vita a rovescio, Giunti), Flavia Ganzenua (La conta delle lentiggini, Caratteri mobili), Gabriele Reggi (Liberaci dagli sbirri, Isbn), Davide Pappalardo (Milano Pastis, Nerocromo), Giulio Catanzaro (I fantanimali, il Barbagianni), Marco Roncaccia (Roma caput zombie, Nero Press) si sono aggiunti ai tanti scrittori che hanno frequentato i laboratori della nostra scuola, come tra gli altri Gianrico Carofiglio (che ha praticamente inventato il legal thriller all’italiana), Valerio Aiolli (e/o, Rizzoli, Gaffi), Fausto Rampazzo (Bompiani), Giordano Tedoldi (minimum fax, Fazi), Tea Ranno (che dopo due romanzi per e/o ora pubblica per Mondadori), Antonella Tavassi La Greca (Marsilio), il giallista Nicola Verde, Rossella Messina (che ha pubblicato per Sironi Pensavo peggio). Ecc. ecc.

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


3 × tre =

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>